Amori e disamori di Nathaniel P. di Adelle Waldman Einaudi

Dopo anni di faticoso equilibrismo, tra un articolo e un lavoretto, Nathaniel Piven ce l’ha fatta. Ha appena firmato un contratto per pubblicare il suo primo romanzo, ma soprattutto ha scoperto che quelle qualità che l’avevano condannato a un’adolescenza di scatenate letture e altrettanto scatenate sessioni di autoerotismo, oggi l’hanno trasformato in un desiderabile trentenne sul mercato sentimentale della scena letteraria di New York. Ragazze che non l’avrebbero degnato di uno sguardo al liceo, ragazze colte, raffinate, “che leggono Svevo in metropolitana” e che potevi incontrare alle feste dell’editoria, adesso lo trovano interessante, e le occhiate di cui si scopre oggetto mentre è a cena in un ristorantino di Brooklyn, o al mercatino a chilometro zero, si moltiplicano. Ma Nate è “il prodotto di un’infanzia post-femminista negli anni Ottanta e di un’istruzione universitaria politicamente corretta negli anni Novanta”, e la sua ipersensibile, iperattiva, iperprogressista coscienza sa come si tratta una donna, come non ci si approfitta dei privilegi che una società ingiusta ancora concede agli uomini. O almeno così crede lui. L’incontro con Hannah, anche lei aspirante scrittrice, una ragazza intelligente, autonoma, metterà Nate di fronte a una persona che non è disposta a lasciarsi incasellare. O almeno così crede lei.

Lascia un commento