Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda, storia vera di Enaiatollah Akbari B.C.Dalai Editore

 

25722_378528586917_696646917_3875015_4050943_s[1]

“Il diciottesimo giorno ho visto delle persone sedute… Erano sedute per sempre. Erano congelate. Erano morte. Erano lì da chissà quanto tempo. Tutti gli altri sono sfilati di fianco, in silenzio. Io, a uno, ho rubato le scarpe, perchè le mie erano distruttee le dita dei piedi erano diventate viola e non sentivo più nulla, nemmeno se le battevo con una pietra. Gli ho tolto le scarpe e me le sono provate. Mi andavano bene. Erano molto meglio delle mie. Ho fatto un cenno con la mano per ringraziarlo. Ogni tanto lo sogno.”

Lascia un commento