Strade bianche di Enrico Remmert Marsilio Editore

22402_img_big

Quando gli viene offerto un posto da sostituto orchestrale a Bari, Vittorio, violoncellista in preda ad “astratti furori”, decide di partire. Francesca, sua compagna, e Manu, inquieta amica della coppia, si propongono di accompagnarlo, ciascuna con almeno un segreto da rivelare. E’ l’inizio di un’avventurosa traversata da Torino alla Puglia, sulla vecchia macchina da autoscuola di Manu. Così, lungo le statali di un’Italia magica e invernale, tra fughe improvvise e incontri surreali, notti all’addiaccio e piogge così lievi da sembrare invisibili, il viaggio diventerà per ciascuno dei protagonisti un’occasione per cercarsi e smarrirsi. Strade bianche è un romanzo picaresco e intimista a un tempo, pieno di sorprese e cambi di strade inattesi: un viaggio raccontato a tre voci con un quarto passeggero, il lettore, che, in prossimità della meta, si accorgerà del colore indecifrabile di una strada al calare del sole o di un accordo nell’aria a cui non aveva mai prestato attenzione.

Lascia un commento