Il club degli incorreggibili ottimisti di Jean-Michel Guenassia Salani Editore

2998220[1]

Nel retro di un bistrò si litiga, si beve, si gioca a scacchi, si raccontano barzellette su Stalin, si offre se stessi e le proprie storie, storie terribili di esilio che si intrecciano sullo sfondo di un decennio epocale, tra filosofia e rock ‘n’roll, Sartre e Kessel, la conquista dello spazio e l’inizio della Guerra fredda.

” Quello che per loro contava nella Terra promessa non era la terra. Era la promessa. “

Lascia un commento